fbpx
lafutura sas
SITE LOADING
E-COMMERCE: UNA GUIDA PRATICA SU COME REALIZZARLO

E-COMMERCE: UNA GUIDA PRATICA SU COME REALIZZARLO

Una guida pratica su come fare un e-commerce

Se stai pensando di avviare il tuo store online tieni in considerazione alcuni passi fondamentali prima di chiederti come fare un e-commerce. In questo articolo potrai farti un’idea degli errori comuni da non fare e su come prepararti al meglio alla nascita del tuo e-commerce.

1. Innanzitutto dovrai stilare una lista di tutti i costi e gli investimenti che vuoi sostenere.

Non si parla solamente di costi delle infrastrutture (come i prezzi dei prodotti in relazione alla spedizione, accordi con spedizionieri e fornitori o personale da assumere) ma anche del ritorno sull’investimento iniziale e del costo per creare e portare avanti un piano promozionale adeguato e ben pensato.

Nel tuo business plan dovrai comprendere l’inserimento della normativa sulla privacy e la creazione di un’identità adeguata per il digitale.

2. Partiamo da una domanda fondamentale: quali sono i pro e i contro di aprire un e-commerce?

I pro sono tanti: un pubblico molto più vasto di quello possibile in un negozio fisico, la possibilità di avere dei dati chiari sul comportamento del cliente e sulle sue preferenze d’acquisto, poter fidelizzarne un maggior numero e raggiungerli più velocemente.

IL contro è uno solo, ma da tenere sempre in mente: ci vuole tanta, tanta costanza. Costanza nella cura dello shop spesso e proporre offerte con regolarità (per far tornare il cliente), costanza nell’investimento iniziale che deve essere supportato anche nei mesi successivi per una comunicazione mirata. Aprire un e-commerce spesso significa ampliare il servizio clienti telefonico o tramite chat per fornire assistenza a tutto tondo.

Analizzando altri aspetti aprire un e-commerce comporta gli stessi rischi di qualsiasi altra attività fisica, con la differenza che i clienti bisogna “andare a cercarli” con strategie mirate e continuare a coinvolgerli, perché la vetrina del negozio non è fisica e difficilmente verrà vista casualmente dai clienti.

3. Punti preliminari per aprire un e-commerce: le strategie commerciali e la pubblicità

Spesso si sono presentati alla nostra porta dei cliente che pensavano di “sbancare” sul web semplicemente grazie al fatto di “essere  sul web”, ovviamente non è così.
Se un’agenzia di comunicazione ti promettesse di rendere la tua attività, nel giro di un anno, un competitor diretto di Bezos, può trattarsi solo di phishing o spam .

Aprire uno store online amplia di certo il proprio mercato, ma amplia anche il numero di competitor e ridefinisce il tipo di clientela che dovrai attirare, corteggiare, catturare e nutrire.

È FONDAMENTALE avere alla base un business plan chiaro e un piano promozionale adeguato, almeno semestrale, che preveda offerte ai clienti, sconti, spedizioni gratuite, buoni, programmi fedeltà, premi, gadget gratuiti e moltissime altre idee per mantenere sempre vivo l’interesse del cliente nel tempo, senza commettere errori come sconti fittizzi o promo poco convenienti o troppo brevi.

RICORDA: sul web si trovano sicuramente migliaia di siti che vendono il tuo prodotto, o qualcosa di simile, e il pubblico a cui fai riferimento è avvezzo a cercare i siti dei tuoi competitor e a valutare la convenienza o meno del tuo store online.

4. E-commerce e pubblicità: come dare nutrimento all’albero

Per far fruttare il proprio e-commerce l’acqua è la promozione online che dà nutrimento alle radici.

pubblicità-e-commerce-piano-promozionale-ordini-l'albero dello store

Allo stesso modo un e-commerce per portare ordini ha necessità sia di pubblicità costante sia di promozioni adeguate che attirino i clienti. Ecco qualche esempio:

  • Si pagano i motori di ricerca per essere fra i primi risultati quando qualcuno fa una ricerca di un prodotto che noi vediamo;
  • Si pagano i social per mostrare a nuovi potenziali clienti interessati il nostro sito oppure per ricordarlo a chi lo ha già visto;
  • Si promuovono le promozioni definite in precedenza attraverso newsletter.

La pianificazione commerciale e la pubblicità sono sempre elementi imprescindibili da un e-commerce perché il primo è l’unico elemento che può portare clienti allo store e il secondo è l’unico modo efficace per fidelizzare il cliente e spingerlo all’ordine.

5. La fatidica domanda: perché l’e-commerce costa, e soprattutto, perché costa di più di un sito web?

Per creare un negozio online nel quale gli utenti possano acquistare comodamente è necessario studiare molto attentamente l’usability del sito, e non basta inserire alcune foto di prodotto nel proprio sito web istituzionale per aver creato un e-commerce.

Ne segue che la progettazione e la realizzazione (tra cui anche inserimento dei prodotti nello store) saranno decisamente più impegnative.

E quindi veniamo alla domanda fondamentale: quanto costa l’e-commerce? La risposta che vorremmo darti è: “da noi costa poco”, ma non sarebbe corretto, perché l’e-commerce è un investimento del quale si possono vedere risultati solo su un lungo periodo.

Creare un e-commerce da zero prevede il superamento della mentalità secondo cui esso sia una semplice pagina web con dei prodotti acquistabili, perché deve essere nutrito continuamente per portare visite e potenziali clienti nel negozio digitale.

Per tutte le ragioni sopra citate, la domanda da porsi non è “come fare un e-commerce” ma “come fare un e-commerce BENE?”: non investire in marketing, soprattutto nei primi mesi, significa aver gettato un seme sul cemento rovente.

Dalla nostra esperienza come web agency, possiamo dire che i clienti che hanno “tenuto duro” per i primi mesi dall’avvio dell’e-commerce, e hanno investito con costanza sotto la nostra guida, sono riusciti a fidelizzare un maggior numero di clienti e a mantenere un incremento degli ordini costante dopo soli 3 mesi di investimento.

LaFutura è un’ agenzia di comunicazione di Montebelluna, a Treviso, che assiste i propri clienti e li guida con consigli e analisi su come vendere online, perché da anni insegnamo alle nuove attività come aprire un e-commerce in Italia. Chiedici un preventivo, anche solo per curiosità, per capire come lavoriamo per fare il tuo e-commerce in dettaglio.

Non vediamo l’ora di lavorare con te!

 

Non fermare qui la tua curiosità: leggi un articolo sulle social community per capire l’importanza del dialogo con il cliente

5 1 vota
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Ci farebbe piacere sapere la tua opinione, lascia un commento!x
()
x